Tragedia in via Passaniti, nel cuore del centro storico di Gela, in provincia di Caltanissetta. Una donna, Giuseppa Savatta 41 anni, ha ucciso le proprie figlie e ha poi tentato il suicidio lanciandosi nel vuoto da un balcone dell’abitazione.

Protagonista della vicenda è la moglie di un ingegnere, Vincenzo Trainito,  ricoverata adesso all’ospedale Vittorio Emanuele. Le vittime, due bimbe di sette e nove anni, secondo una prima ricostruzione, sarebbero state ritrovate dai soccorritori del 118 giunti sul posto con i carabinieri.

Ad allertare le forze dell’ordine alcuni vicini che hanno visto la donna compiere l’insano gesto di gettarsi nel vuoto. La donna avrebbe somministrato alle bambine della candeggina, letale per le due piccole. 

LEGGI L’AGGIORNAMENTO: UCCIDE LE FIGLIE CON LA CANDEGGINA

GELA SOTTO CHOC, IL PADRE SENTITO DAGLI INQUIRENTI