La Polizia di Caltanissetta ha eseguito nove ordinanze di custodia cautelare per i reati di associazione mafiosa e scambio di voti emesse dal G.I.P. del Tribunale di Caltanissetta, su richiesta della locale DDA.

Le indagini degli uomini della squadra mobile, insieme a quelli del Commissariato di Niscemi e Gela, hanno permesso di accertare che appartenenti a “Cosa Nostra” di Niscemi e di Gela si incontravano in aperta campagna per discutere accordi politico-mafiosi.

Fra gli arrestati c ‘è anche l’ex sindaco di Niscemi, Francesco La Rosa. Per lui, un ex consigliere comunale della sua lista e due esponenti del suo entourage sono stati disposti gli arresti domiciliari. Ad appoggiarlo sarebbero stati il boss di Niscemi, Giancarlo Giugno, e di Gela, Alessandro Barberi. Al centro delle indagini un presunto patto stretto tra il candidato e la mafia per le elezioni amministrative del 2012.

LEGGI QUI I NOMI DI TUTTI GLI ARRESTATI

Francesco La Rosa si era presentato anche alle ultime amministrative al Comune di Niscemi ed era andato al ballottaggio di quattro giorni fa, quando è stato sconfitto da Massimiliano Valentino Conti che avuto il 58,65% dei voti a fronte del sindaco uscente che ha ottenuto il 41,35% delle preferenze. Entrambi erano sostenuti da liste civiche. Quest’ultime consultazioni comunali non sono oggetto dell’inchiesta della Dda della Procura di Caltanissetta che hanno portato all’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare che ipotizza, a vario titolo, i reti di associazione mafiosa e voto di scambio per 9 indagati. Per quattro l’ordinanza prevede il carcere, per gli altri cinque gli arresti domiciliari.