La donna raramente si recava a lavorare

Non assisteva disabili ma firmava le presenze, chiesto processo per ex Rmi

assistenza ai disabili

Il procuratore di Gela, Lucia Lotti, ha chiesto il rinvio a giudizio, per truffa, di una operatrice comunale, ex Rmi, che, falsificando le firme degli assistiti, attestava di avere prestato servizio di assistenza domiciliare a disabili e anziani e ritirava regolarmente lo stipendio mensile. In realtà però raramente si recava al lavoro.

commenta
0 0

l'omicida si trovata ai domiciliari in una comunità

Uccise la moglie a Gela, torna
in carcere per scontare pena

manette

I carabinieri hanno arrestato Nicola Incorvaia, 29 anni, di Gela, che si trovava ai domiciliari nella comunita’ Major di Mascalucia, in provincia di Catania. Il giovane, raggiunto da un ordine di carcerazione emesso dalla Corte di Appello di Catania, dovra’ scontare una pena residua di 14 anni di reclusione.

commenta
0 0

organizzato dall'assessorato infrastrutture

Riqualificazione urbana in Sicilia
Confronto al Cefpas di Caltanissetta

direzione sud

Si è conclusa a Caltanissetta la due giorni di studio organizzata dall’ANCE Sicilia, dalle consulte regionali degli ordini professionali e dall’assessorato regionale delle infrastrutture dedicata al nuovo ciclo di programmazione europea 2014-2020. Nel corso della manifestazione, che ha visto la nutrita partecipazione di professionisti, dirigenti dell’amministrazione regionale nel settore della programmazione, rappresentanti del mondo imprenditoriale

commenta
0 0

Arrestati un nordafricano ed un comisano

In auto con 38 chili di hashish
Due arresti a Niscemi

panetto di hashish

Viaggiavano a bordo di una Citroen Xsara con 38 chili di hashish nascosti nell’auto. Sono stati arrestati dalla polizia Salvatore Adamo, 49 anni di Comiso, e Slim Belazrag, 26 anni, nordafricano.

commenta
0 0

immigrati impiegati illegalmente nel nisseno

Immigrazione, tratta di romeni
Cassazione condanna 4 siciliani

tribunale

Secondo l’accusa i quattro imputati avrebbero favorito l’ingresso clandestino dei romeni in Sicilia in cambio di compensi in denaro. Le persone provenienti dall’Est sarebbero state impiegate illegalmente nel Nisseno per lavori manuali o di assistenza in casa di anziani.

commenta
0 0

ideata dall'associazione "daterreinmezzoalmare"

Arte, a Gela la rassegna “Cunta”
ospita Nada

Foto Nada

Quarantacinque anni di carriera tra musica, scrittura e teatro: Nada Malanima, in arte Nada, si è raccontata a Gela in un sabato sera di marzo ed accende i riflettori della rassegna internazionale Cunta, curata dall’associazione culturale “daterreinmezzoalmare”, giunta nel 2015, alla sua quinta edizione. “Non m’importa sapere chi sono, mi importa più esserlo e basta

commenta
0 0

la missiva indirizzata anche al mise

Gela “area di crisi complessa”
I sindacati scrivono a Renzi

eni gela

“Facciamo appello al governo nazionale – scrivono i sindacati -. Attraverso l’attuazione del protocollo firmato da Eni, governi regionale e nazionale e forze sociali, passano infatti la riconversione industriale dell’area, gli investimenti green, la tutela del reddito dei lavoratori. Compresi quelli dell’indotto”.

commenta
0 0

Uno dei due feriti e' in fin di vita

Scontro frontale sul viadotto Juculia
Un morto e due feriti nel Nisseno

incidente

Grave incidente stradale avvenuto nella tarda mattinata di oggi alle porte di Caltanissetta sul viadotto Juculia. Il bilancio e’ di un morto e due feriti, uno dei quali in fin di vita. A scontrarsi un autoarticolato ed un furgone di una impresa edile di Riesi. A perdere la vita il riesino Calogero Cigna, 20 anni alla guida del furgone.

commenta
0 0

sulla rivista strumentires

Uno studio sulle trasformazioni dell’industria petrolifera siciliana

Pozzi-petroliferi

L’industria petrolifera siciliana genera circa 150 milioni di gettito fiscale all’anno, nel 2012 ha garantito 22 milioni di royalties per lo sfruttamento dei pozzi e rappresentato tre quarti delle esportazioni regionali. Una presenza importante, quindi, in grado di occupare circa 10 mila persone, tra lavoratori diretti e indotto.

commenta
0 0

alla fine della manifestazione al femminile

Otto marzo di tensione a Niscemi
Tagliate le recinzioni del Muos

taglio rete

La protesta delle donne No Muos termina con il gesto simbolico che rischia di far degenerare la protesta con la polizia in assetto antisommossa pronta ad impedire l’accesso alla base Usa

commenta
0 0

salvatore roberto menzo è originario di niscemi

L’omicidio, poi la fuga in Belize
Siciliano fermato nel senese

belize

Aveva organizzato perfino un matrimonio con una donna del luogo e studiato le pratiche per impedire una eventuale richiesta di estradizione da parte dell’Italia

commenta
0 0

la storia del gelese mirko eros turco, 35 anni

Condannato all’ergastolo ma era innocente, in libertà dopo 10 anni

manette

Ritrova la liberta’ dopo aver vissuto per 10 anni in carcere da innocente, con un ergastolo ingiusto sulle spalle. Ora e’ arrivata l’assoluzione per Mirko Eros Turco, 35 anni, di Gela (Caltanissetta), accusato di due omicidi da sette pentiti di mafia, ma ora risultato estraneo ai fatti.

1
0 0

l'8 marzo la mobilitazione regionale in contrada ulmo

Muos, tensione a Niscemi: mamme
e attivisti bloccano accesso al cantiere

bloccomezzi2

Con questa azione l’Assemblea delle Donne No Muos vuol ricordare la mobilitazione dell’8 marzo cui si accorrerà da tutta la Sicilia per approfittare di questa data storica e renderla momento di lotta reale sul territorio siciliano e di mostrare quanto sia determinata e determinante la forza delle donne nel percorso verso l’autodeterminazione del proprio territorio. GUARDA LE FOTO

commenta
0 0

Aveva già subito un sequestro di oltre tre milioni

Nuovo sequestro per Cammarata
in affari con Piddu Madonia

dia

Beni per 700mila euro sono stati sequestrati dalla Direzione investigativa antimafia di Caltanissetta a Alberto Cammarata, imprenditore gelese di 44 anni. Il provvedimento, emesso dal Tribunale Nisseno, riguardante una società con sede a Milano impegnata nella realizzazione di appalti pubblici.

commenta
0 0

ancora ricercati una coppia di romeni

Mafia, droga e prostituzione
18 arresti a San Cataldo

polizia

Le indagini, condotte anche con l’ausilio di intercettazioni, hanno consentito di ricostruire il traffico di stupefacenti, eroina e cocaina, gestito dalla cosca che serviva anche per mantenere le famiglie degli affiliati detenuti. La novita’ riguarda invece un giro di prostituzione, anche minorile, che alcuni componenti del clan avrebbero organizzato con la complicita’ di una coppia di romeni,

commenta
0 0

I cittadini non si sentono più al sicuro

Isis, intensificati controlli a Gela dopo le minacce di incendiare il gasdotto

isis

La crisi libica preoccupa anche la provincia nissena, in particolare l’aera gelese. I terroristi dell’Isis hanno minacciato i luoghi più rappresentativi della cultura italiana: lo Stato Vaticano, il Colosseo ed altri simboli del nostro Paese. Ma l’ultima minaccia e’ quella di incendiare il Mediterraneo facendo esplodere il gasdotto che collega la Libia a a Gela dove la Questura ha deciso di intensificare i controlli.

commenta
0 0

a caltanissetta, ragusa e siracusa

La Commissione parlamentare Antimafia in Sicilia per audizioni

Rosy-Bindi

La Commissione Parlamentare Antimafia sarà da oggi in Sicilia fino a venerdì 6 marzo per proseguire le attività di approfondimento a Caltanissetta, Ragusa e Siracusa. Al centro della missione l’evoluzione della presenza di Cosa Nostra in questi territori.

commenta
0 0

Gli interessi raggiungevano quote del 1.413%

Utilizza denaro del fratello invalido come capitale per i prestiti ad usura

usura

Ireneo Francesco Conzagara di 51 anni e’ coinvolto in un indagine per usura a Caltanissetta insieme ad Angelo Collodoro, anche lui accusato dello stesso reato. Ma Conzagara risponde anche di peculato in quanto avrebbe dirottato sul proprio conto corrente la pensione di accompagnamento del fratello invalido in modo da creare un capitale utilizzato appunto per i prestiti a usura.

commenta
0 0

in contrada ulmo

Le donne No Muos in piazza
L’8 marzo il corteo a Niscemi

nomuos

Una data che verrà vissuta come momento e manifestazione di resistenza e protagonismo delle donne che si sono contraddistinte nella lotta No Muos durante tutti questi anni in Sicilia. Studentesse, lavoratrici, precarie, disoccupate in questa giornata vivranno la ricorrenza come occasione per ribadire ancora una volta che il grande movimento No Muos non si arresta e che riparte proprio dalla donna.

commenta
0 0

L'udienza e' stata fissata per il 29 giugno prossimo

Occupano da anni stabile delle Ferrovie: 22 rinvii a giudizio a Gela

tribunale

Da anni diverse famiglie vivono abusivamente nello stabile del quartiere Giardinelli a Gela. L’edificio e’ di proprietà delle Ferrovie dello Stato. Stando alle indagini non avrebbero nessun titolo per vivere nell’immobile, di conseguenza ventidue persone sono state rinviate a giudizio.

commenta
0 0

L'esplosivo utilizzato proverrebbe da ordigni bellici

Strage di Capaci, i periti:
“Non tutto il tritolo utilizzato esplose”

strage di capaci

“L’ esplosione causata dall’ordigno usato per la strage di Capaci non ha esercitato tutta la sua forza dirompente. Questo è riscontrabile dal fatto che sono stati trovati diversi residui di tritolo inesploso. In questo caso si parla di esplosione non ‘franca’, significa che non è avvenuta in modo ottimale”.

commenta
0 0

Le rivelazioni del neopentito Vito Galatolo

‘Borsellino quater’, “L’ex questore di Palermo nel libro paga dei Madonia”

arnaldo la barbera

Lo dice in aula il neo pentito Vito Galatolo durante il processo per la strage di via d’Amelio

commenta
0 0

la denuncia del codacons

Colpito da emorragia non c’è posto
in rianimazione, odissea per 40enne

CL Niscemi2

Un maestro di scuola elementare, di 40 anni, di Niscemi, nel nisseno, colpito da emorragia cerebrale, soccorso e intubato dai medici dell’ospedale locale, sarebbe rimasto in lunga attesa per un posto letto in rianimazione, per poi essere trasportato in ambulanza a Palermo a causa dell’indisponibilita’ dell’elisoccorso.

commenta
0 0

fino al 12 aprile

“Il passato riemerso”, a Gela mostra reperti recuperati in fondo al mare

I reperti di oricalco rinvenuti

Alla fine del 2014 il mare di Gela, l’antica colonia rodio-cretese fondata agli inizi del VII sec. a. C., ha restituito uno fra i più importanti tesori custoditi nei fondali sabbiosi di fronte il litorale di contrada Bulala, dove già sono stati ritrovati tre relitti di età greca.

commenta
0 0

5 persone indagate

Frodi alimentari, oltre 20mila uova
sequestrate a Caltanissetta

frodeuova-730x400

Le decine di migliaia di uova erano stipate in un magazzino alla periferia del capoluogo nisseno e sono state sequestrate per verificare la provenienza e soprattutto se presentano alterazioni nella data di scadenza.

commenta
0 0

l'appello dal treno verde, campagna sull'agricoltura

Colture da rinnovo, Legambiente chiede a Regione verifica terreni

Campi_coltivati

Rendere economicamente ed ambientalmente vantaggiosa la rotazione delle colture non solo per migliorare la qualità dei terreni e dei prodotti che si coltivano, come i grani antichi, ma anche come opportunità di reddito per l’agricoltore, grazie all’energia ricavata esclusivamente da piccole centrali cogenerative a biomasse da filiera corta (massimo 1MW di potenza).

commenta
0 0

16 persone indagate

Traffico reperti archeologici dalla Sicilia al Nord, sgominata banda

reperti archeologici

L’organizzazione era anche specializzata nella contraffazione di beni archeologici destinati alla vendita. A occuparsene due artigiani catanesi nei cui laboratori sono state trovate oltre 800 monete taroccate.

commenta
0 0

sottoposto ad un interrogatorio durato oltre 8 ore

La morte di Aldo Naro, fermato
per omicidio 17enne reo confesso

carcere malaspina

Il ragazzo ieri si e’ presentato nel carcere minorile accompagnato dai familiari e dall’avvocato difensore. Su di lui si era stretto il cerchio delle indagini condotte dai carabinieri, che avevano interrogato decine di giovani presenti alla festa di Carnevale

commenta
0 0

la cerimonia il prossimo 10 marzo

Caltanissetta, sarà intitolata ad Aldo un’aula del campus di medicina

aldo-naro-4

Aldo amava la sua Comunità che è stata profondamente scossa dalla sua tragica scomparsa. La dedica dell’aula è un tributo dovuto ad un ragazzo che come tanti aveva studiato con risultati eccellenti pensando alla professione di medico come alla propria missione di vita.

commenta
0 0

indagano le forze dell'ordine

Aldo, 25enne dalla faccia pulita
ucciso a calci e pugni un venerdì sera

aldo naro 1

La faccia pulita, il taglio di capelli all’ultimo moda, il sorriso ampio e luminoso. Ma Aldo Naro è morto ad appena 25 anni. Ucciso dopo un venerdì sera trascorso in discoteca a Palermo. Non sono riusciti a salvarlo i sanitari, ad evitare l’arresto cardiocircolatorio sopraggiunto dopo i numerosi calci ricevuti alla nuca. GUARDA LE FOTO

commenta
0 0

"Pericoloso per la salute dei cittadini"

Muos, stop ai lavori a Niscemi
Il Tar accoglie ricorso del Comune

muos

I giudici del Tar di Palermo hanno accolto il ricorso presentato dal Comune di Niscemi, contro la realizzazione del Muos, il sistema di comunicazioni satellitari in fase di ultimazione in Sicilia. Secondo i giudici il sistema sarebbe pericoloso per i cittadini, ipotesi caldeggiata dai tanti comitati locali sorti contro il Muos.

1
0 0

Il cadavere era immerso nella vasca da bagno

Caltanissetta, donna trovata morta nella sua abitazione

polizia scientifica

Macabra scoperta stamane in un’abitazione in via Saponaro 13 nel quartiere Provvidenza di Caltanissetta. Una casalinga, che viveva da sola, e’ stata trovata morta. Aveva 58 anni e il suo cadavere era immerso nella vasca da bagno.

commenta
0 0
serverstudio web marketing e design ©